parità di genere nel lavoro

Parità di Genere nel Lavoro

 

UNI/Pdr 125:2022 Che cos’è

La normativa UNI/Pdr 125:2022 coincide con le Linee guida sul Sistema di Gestione per la Parità di Genere nel Lavoro che prevedono l’adozione di specifici KPI relativi alle politiche di parità di genere all’interno delle organizzazioni.

Lo standard è una novità del 2022 e risponde alla necessità di dare concretezza alla
Missione 5 del PNRR, con il quale si intende “intensificare l’impegno ad eliminare le
disparità di genere nel mondo del lavoro e nella vita sociale”.

 

Parità di Genere nel Lavoro: il contesto

Con la modifica al Codice delle Pari Opportunità del 2006, l’Europa prova ad
invertire la tendenza sul ritardo delle quote rosa nella partecipazione al
mercato del lavoro.

All’interno di una società che si dimostra ancora oggi resiliente ad un necessario
cambiamento, tale questione è stata per anni, soprattutto in Italia, dibattuta in
maniera accesa nelle aule parlamentari.

Finalmente, con l’introduzione delle prassi di riferimento e delle linee guida sui
Sistemi di Gestione per la Parità, sembra si sia arrivati ad una maggiore sensibilizzazione sulla parità di genere nel lavoro.

 

A che cosa serve la Certificazione della Parità di Genere nel Lavoro

La certificazione sulla Parità di Genere UNI/Pdr 125:2022 rafforza la reputazione
aziendale e consente alle imprese di accedere agli sgravi contributivi ed alle
premialità previste nella partecipazione a bandi italiani ed europei.

La certificazione viene attribuita alle aziende e attesta le misure concrete adottate
dai datori di lavoro per ridurre i divari nell’ambito di:
• Opportunità di crescita;
• Parità salariale a parità di mansioni;
• Gestione delle differenze di genere;
• Tutela della maternità/genitorialità.

 

Vantaggi della Certificazione secondo la UNI/Pdr 125:2022

Come detto, lo standard fa parte della Missione 5 del PNRR. Questo prevede lo
stanziamento di oltre 9 miliardi per lo sviluppo di politiche d’inclusione.

La Certificazione di Parità di Genere nel Lavoro figura proprio tra queste e permette di accedere ai seguenti vantaggi:

• Rafforzamento dell’immagine aziendale;
• Miglioramento della reputazione aziendale;
• Accesso a sgravi fiscali fino a 50mila euro;
• Premialità nella partecipazione a bandi italiani ed europei;
• Sostegno di appositi incentivi fiscali e relativi ad appalti pubblici;
• Accesso a sostegno per piccole-medie imprese che desiderano certificarsi.

 

Destinatari della Certificazione

Certificare la Parità di Genere nel Lavoro è possibile per tutte le
organizzazioni, sia pubbliche che private, di ogni settore e dimensione.

Sarà possibile richiedere la certificazione secondo la UNI/Pdr 125:2022 solamente
dopo aver implementato le politiche a supporto della parità di genere.

 

Come ottenere la Certificazione

L’iter per ottenere la Certificazione della Parità di Genere è articolato in 4 punti:

Richiesta di certificazione
In questa prima parte si concordano gli aspetti economici e le attività che saranno
eseguite dagli auditor durante l’iter di certificazione. Questa parte si conclude con la
firma di un contratto con validità triennale tra l’azienda e l’Organismo.
Successivamente ha inizio il processo di certificazione.

Audit preliminare (opzionale ed eventualmente richiesto dal cliente)
Ha come obiettivo quello di esaminare il livello di preparazione del sistema di gestione oggetto di certificazione. Questo tipo di audit non rientra nell’iter di certificazione, pertanto eventuali miglioramenti, sono rilasciati sotto forma di raccomandazione e non vengono notificati in forma ufficiale sul rapporto di audit.

Audit di Certificazione
L’audit si svolge presso la sede aziendale.
Durante questa fase l’auditor raccoglie informazioni e verifica la documentazione
inerente il sistema di gestione da certificare. Determina quali sono norme obbligatorie e volontarie di riferimento per il sistema da certificare.
Durante questa fase l’auditor verifica che il sistema di gestione venga realmente
applicato dall’azienda. In assenza di non conformità gravi, l’auditor presenterà richiesta all’organo deliberante per l’emissione della certificazione UNI/PDR 125:2022.

 

 

 

Richiedi maggiori informazioni

9 + 10 =